Fabio Palma

Infinite jest

COELOPHYSIS

Tre anni di apertura, parecchi bivacchi in parete ( posto da bivacco molto comodo in alto, uno molto da accontentarsi dopo 8 tiri, fortunatamente non indispensabile in ripetizione), via da bella a stupenda e molto psicologica dall’ottavo tiro in poi ( anche se già nei primi tiri bisogna scalare non guardandosi troppo indietro). L’unica ripetizione, al momento ( Febbraio 2014), è di Paolo Spreafico e Alessandro Passoni, in due giorni ( bravissimi!!!). Mi sembra difficile ripeterla in giornata, soprattutto dopo che Tommy Caldwell ha impiegato dieci ore per Portami Via e Ueli Steck e Simon Anthamatten due giorni sempre per Portami Via ( che ha 8 tiri mentre Coelophysis ne ha 21). La parte superiore ha dei tiri in cui la protezione bisogna proprio scovarla in un mare di roccia perfetta e di difficile intuizione. All’apertura ha inizialmente partecipato anche Adriano Selva, che ha peraltro aperto uno dei tiri più belli, un 7c meraviglioso in cui vedete impegnato, fotografato da Riky Felderer, Matteo Piccardi. La lunghezza più difficile è 8a+, finora ripetuta in libera solo da Matteo Della Bordella

Lascia un commento