Fabio Palma

Infinite jest

Luglio 6, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

40 ANNI da BORG-MC ENROE

E così ieri erano 40 anni che me ne stavo seduto a guardare in una Tv a tubo catodico questa cosa qui.
Chi l’avrebbe mai detto che sarei stato molti anni dopo il project manager di un Tv piatto, uno dei primi, che avrei arrampicato, aperto vie su grandi pareti (mica lo sapevo che ci fossero le pareti), e per dir la verità chi l’avrebbe detto che entro un anno due dischi, Heaven&Hell e Diary of Madman, mi avrebbero stravolto. Ero ancora a Bennato e Pinkfloyd, che ascoltavo tipo 3 ore al giorno, a scuola aspettavo il tema d’italiano con ingordigia e lo sport era guardarlo alla Tv e giocare a pallone con gli amici.
E ci sono tanti prima e dopo nella vita delle persone, e quella partita, e quel Tie Break di 22 minuti, furono lo spartiacque del mondo.
Non ero in grado come oggi di capire come mai entrambi fecero errori madornali successivi e precedenti a cose mirabili, ero un poltronaro e non sapevo nulla di sport. E naturalmente non sapevo che il tennis, come la Boxe e il basket NBA, si presta a disquisizioni filosofiche purissime e certe partite valgono piu’ che 200 ore di studio.
Un chitarrista molto famoso disse di non avere avuto talento ma di essere diventato Maestro perché “chiunque diventa Maestro di qualunque cosa quando supera le 10.000 ore di pratica”.
Fatevi i conti, provate a verificare se in vita vostra vi siete dedicati a 10.000 ore di qualcosa. Io per esempio credo di aver scalato intorno alle 3000 ore, Yuri mi ha detto che di puro montaggio video pensa di aver superato 5000 ore ma 10.000 no.
Un tennista professionista supera le 10.000 ore molto più in fretta della maggior parte di noi sfigati nelle nostre Passioni, è come il chitarrista Top o Kobe Bryant o M. Phelps o Lebron James .
Sono alieni. Superare le 10.000 ore in 5 anni su una Passione artistica o sportiva significa arrivare ad un livello di finezza coordinativa e mentale incomprensibile al 99% delle persone (molte delle quali diventano Haters e commentano gli errori perché fondamentalmente non capiscono un cazzo e hanno QI bassissimo).
È chiaro come io tifassi Mc Enroe perché io ero piuttosto simile a lui come carattere sfrontato e nei temi, la mia Passione, mi comportavo proprio come lui, ma intuivo come Borg fosse un’enciclopedia balistica. Mc Enroe era per i perbenisti lo sbandato salvato dallo sport, invece fu poi Borg a mostrare enormi problemi con cose brutte (droga e quindi tossicodipendenza), ora si sa che è la gente ricca e perbene la maggior fetta consumatrice di droga ma allora le mamme ti vedevano col giubbino Jeans e le borchie ed eri drogato, con la cravatta ed eri un bravo ragazzo.
“È l’unico nella storia del tennis a mandare di là una palla arrivata all’altezza delle stringhe”, ha detto di John poco tempo fa Ivan Lendl, quello che macchio’ la più grande annata tennistica all time con forse la più clamorosa sconfitta di sempre, a Parigi.
Ieri 40 anni fa, Borg vinse l’ultima volta, con una tenuta mentale assurda che non dimostro’ dopo i 27 anni, quando si ritirò. Allora si pensava che contassero solo tecnica e fisico, da una trentina d anni si sa bene come non sia così, anche se tanti genitori e allenatori scadenti ancora non lo sanno (come professori e anche politici, vedasi totale sottovalutazione degli aspetti mentali della pandemia. Dal CTS scadente che ci comanda da inizio Marzo alla gente che ha tirato sassi e insulti piuttosto che ai molti che considerano normale ficcare in cabine plexiglass bambini con mascherine, la stragrande maggioranza della gente considera trascurabile l’aspetto mentale, per loro contano soltanto i voti a scuola o 200 o 250 contagi, la depressione o la SERENITÀ di una persona non contano, difatti Non sono sereni, tirano appunto sassi o insultano uno che corre).
Mc Enroe è poesia e arte, Borg applicazione e schematicita’. Artista vs ingegnere.
Pensavo anch’io così.
Ma ora so dall’allenare e dall’aver profondamente studiato lo sport in generale che nei lungolinea di Borg c’era una geometria artistica e che nelle Volee’ di Mc Enroe così come nella sua destabilizzante tecnica (qualunque cosa facesse era contro il manuale del tennis…) c’erano accuratissimi calcoli di analisi.
Chiaro, sto parlando di uno dei miei dieci momenti di sport preferiti all time, come Cleveland – Gsw del 2016, Lewis vs Powell, Pacquaio- De la Hoya, Hagler-Hearns, robe così.
Oggi lo sport è molto ma molto meno considerato in Italia che allora, lo si vede da questa post pandemia. Bellissimo lo sfogo di Davide Cassani, che ha scritto meglio quello che avevo urlato tre mesi fa, quando non si lasciava allenare individualmente i giovani agonisti: hanno massacrato una generazione di sportivi.
Ma alla gente in maggioranza non gliene frega nulla cosi come non gliene frega nulla che i bambini non possano girare per biblioteche a vedere i libri o che i concerti siano stati ammazzati. È un po’ quel produci consuma crepa che 40 anni fa mi sembrava un grido che non mi toccasse e che devo ammettere con gli anni ha dimostrato essere un grido veggente.
Borg McEnroe è simbolo di magia sportiva e quindi di libertà. Ma siamo 4 gatti a pensarla così.

Giugno 30, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

RAGIONARE…

CONTINUIAMO A RAGIONARE

Finora, lo dico orgogliosamente, ho azzardato ( ma non pensavo fosse azzardo…ho ragionato come mi hanno insegnato a fare migliaia e migliaia di ore su studi di funzione, dati e grafici matematici) previsioni che si sono poi dimostrate ( e devo dire purtroppo) vere.

Spero (SPERO) che tutti si siano reso conto che nè le manifestazioni a basso QI del cazzaro verde il 2 giugno e dei gilet arancioni precedentemente, le feste a napoli della coppa italia, le movide matte e scellerate, etc etc, abbiano negativamente impattato su decessi, ricoveri e terapie itennsive.

In particolare

DAI PRIMI DI APRILE I RICOVERI IN TERAPIA INTENSIVA SONO ANDATI DIMINUENDO E LE TERAPIEE INTENSIVE DI EMERGENZA HANNO COMINCIATO AD ESSERE SMANTELLATE A META’ APRILE ( si poteva, anzi DOVEVA, riaprire a metà Aprile, ma tanto il Cts, che nulla ha azzeccato compreso la pazzesca previsione di 150k in terapia intensiva il 10 giugno per via della ripartura del 18 maggio, non lo ammetterà mai…)
E quindi su questa foto ( di foto e video così su Instagram ne trovate centinaia) ecco un mio nuovo ragionamento

RICORDO che la statistica in situazioni di totale ignoranza di un fattore nuovo ( un virus, ad esempio) aiuta a costruire modelli previsionali immediati MOLTO prima di quanto possano fare ricerche dedicate su tale fattore.

Onestamente, e lo dico avendo pubblicato anche su questo sito e su Fb con data dei post purtroppo non sconfessati, se il 23 febbraio si fossero analizzati i dati della Diamond Princess, avremmo avuto molti meno decessi, un lockdown molto più breve e mirato sia temporalmente (dal 9 marzo è stato INUTILE, SOPRATTUTTO perchè non sono stati isolati gli Over 70 con due patologie), etc etc.

Per questo suggerisco di analizzare statisticamente il PERCHE’ nonostante assembramenti da concerti rock da almeno 3 settimane, non vi sia alcuna impennata (anzi) di ricoveri.

NON CI CREDO che NON ci sia neppure un soggetto che contagi in certi luoghi da minimo 300 persone a contatto (altro che scuole o stadi…), e quindi è molto lecito ipotizzare che gli asintomatici PASSATI e PRESENTI siano
NON
decine di migliaia ma
MILIONI,

a meno che
SECONDA IPOTESI

il virus abbia drasticamente perso il suo tasso di contagio. Invece dei tamponi, io suggerirei di fare un test sierologico in una determinata giornata x a tutti i frequentatori di una certa discoteca di tali luoghi (oltretutto il livello di confidenza sarebbe tutt’altro che basso e il campione significativo). Perchè qui non si tratta di saper curare meglio, di bloccare sul nascere con terapie opportune, di isolare più rapidamente, etc etc…

NO.

Qui decine di migliaia di persone letteralmente avvinghiate NON SI AMMALANO.

La mia ipotesi ( appunto da verificare) è che si contagino o siano state contagiate in passato, ma in maniera totalmente asintomatica.

Se volete conoscere veramente come sia oggi il virus, dovete verificare COME MAI esso non si presenti più non solo ferocemente ma neppure proprio come presenza debole.

NOTA: in Lombardia ci sono 200.000 nuovi depressi, in tutta Italia 3 milioni di nuovi poveri, stanno chiudendo a migliaia luoghi e circoli creativi, la gente si terrorizza per un giorno di febbre (in Autunno questo atteggiamento creerà problemi ENORMI) non accettando più la banalissima alzata di febbre per stanchezza o altro, e SOPRATTUTTO un paese con le generazioni Under 30 vessate socialmente ed economicamente è un paese che rimarrà indietro. Molto indietro

Giugno 8, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

L’ATTIMO FUGGENTE e il PLEXIGLASS

Non c’è nulla di contradditorio a considerare demente sia un certo troglodita in piazza il 2 Giugno sia chiunque abbia proposto i plexiglass nelle scuole italiane (con in aggiunta mascherine)

perchè non siamo cambiati da quando

CANTAVAMO Another Brick in the Wall
CI SENTIVAMO MALE dopo Qualcuno volò sul nido del cuculo
METTEVAMO A PALLA I Pearl Jam e il primo Audioslave
VENERAVAMO ogni frase di David Foster Wallace
SAREMMO SALITI IN PIEDI alla scena finale di L’attimo fuggente
CI EMOZIONAVAMO all’inno d’Italia, anche alle gare minori
PIANGEVAMO alle morti di Falcone, Borsellino, Impastato
GODEVAMO alla bava di forlani e bossi davanti a Di PIetro

Siamo sempre rimasti coerenti,

abbiamo visto l’aumentare dell’analfabetismo funzionale,
renzi che si alleava con verdini e un senatore che si faceva comprare per 3 milioni per far cadere un governo,

l’avvento del grande fratello in Tv che è stata la prima grande pugnalata all’intelligenza media italica, crollata da allora senza soluzione di continuità,

e abbiamo visto tutto il peggio italico venire fuori in una pandemia, grazie ad un virus molto benevolo (se la letalità fosse stata uniforme per età saremmo stati spazzati via TUTTI grazie a speranza, ricciardi, fontana, gallera, etc etc etc…) che da metà Dicembre (come pochi sfigati hanno subito detto, noialtri che non veniamo pagati per essere consulenti ma abbiamo studiato e abbiamo un QI che ci permette di ragionare, siamo un botto e ci piacerebbe essere guidati da gente superiore a noi, non da tizi che pensano che bisogna baciarne due per infettarsi o robe del genere) ha approfittato di circa 30 anni di degrado a tutti i livelli per farci fuori 45.000 cittadini

(ho messo dentro i deceduti per infarti e altre malattie non curate durante l’inutile lockdown-a proposito persone coraggiose che lo hanno sostenuto e proposto stanno ONESTAMENTE riconsiderando sulla base di quello che è successo, ovvero un disastro, quanto sia stato inutile e dannoso fatto come lo abbiamo fatto noi, e io applaudo per esempio l’ex assessore dell’Emilia Romagna e ‘Prof Lockdown’ Neil Ferguson, il maggior sostenitore europeo del lockdown, che 5gg fa, analizzando SENZA DISTORCERE i dati di stoccolma ha ammesso che la fase 1 svedese era la giusta strategia)

adesso e molti di più nei prossimi anni (nuovi poveri ==> decessi prematuri, tanto per suggerire a quei geni del CTS che se mandi gente sotto la soglia di povertà, essi moriranno dai 10 anni prima al minimo, studi di statistica pubblicati da anni e confermati ogni anno, ma naturalmente ai restoacasisti non gliene fotte nulla se 1 milione di italiani morirà a 65 invece che a 75, pensano solo a non prendere la febbre adesso)

ma a parte questa sintesi volevo dire che la foto è stata scattata prima che io, studente di spalle, non mi fossi alzato rompendo fragorosamente il plexiglass, togliendo la mascherina, dicendo forte e chiaro MIO CAPITANO, e probabilmente (sempre stato un pò entusiasta a scuola) aggiundovi qualcosa, che so, cantando wishlist, another brick in the wall, i am the highway, o perchè no, Crazy Train, cercando di imitare la risata iniziale di Ozzy.

Come dite, non avete visto l’Attimo Fuggente??
Beh, neppure quelli del Cts o il troglodita del 2 giugno.

Giugno 1, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

YOUNG

ARRAMPICATA

Trailer di un futuro cortometraggio sull'atleta climber #beatricecolliPur non praticando arrampicata (ho smesso a 7 anni per darmi al nuoto e al basket), la respiro in casa da quando sono nato, la considero uno degli sport esteticamente più belli e fisicamente più completi, soprattutto per Speed, che è uno sprint, e Boulder, e da tanto volevo cimentarmi in un lavoro professionale (avevo prodotto Rock in Lecco per i Ragni di Lecco anni fa). Questo periodo di forzato arresto di altri lavori mi ha suggerito di approfondire la storia di una ragazza che aiuto ad allenare da 3 anniNelle riprese mi ha anche aiutato Riccardo MojanaPalestra Ragni di Lecco Vibram Store – Milano Store – Milano] Vibram FASI Federazione Arrampicata Sportiva Italiana Climber Movies Climb Escalade @lecco la citta' che vorrei….esprimi un desiderio FASI Lombardia Arrampicare Alessandro Filippini CONI Davide BattistellaRockspot

Pubblicato da YURI PALMA su Domenica 15 marzo 2020

In questi mesi assurdi sono stati i sorrisi dei miei atleti e quelli in famiglia e le telefonate alle persone che mi hanno dato linfa,

Il sorriso finale del microvideo alla fine di questo posti colpì tantissimo il Berna, che ha sofferto il lockdown come i restoacasisti non hanno capito perchè, appunto, non erano, e mai saranno, come il Berna.

C’è gente che VIVE di socialità, se ne nutre, e Il Berna (come l’ultimo ragazzo di “non è un paese per giovani”) era così.

I Miei non hanno avuto un’infanzia facile e una facile gioventù, a dirla tutta mia mamma dal ’41 al ’60 ha avuto una gioventù di merda che più merda non si può. Orfana a 7 anni, praticamente per strada per fallimento della fornace di famiglia, povertà e smarrimento. Lei e sue due sorelle i primi 18 anni di vita li hanno fatti da film, di quelli che ci rimani male.
Bene, lei e le sue due sorelle sono state SEMPRE esempio di generosità e serenità verso tutti, SOPRATTUTTO verso i giovani

Mia mamma è nota da decenni per la sua generosità, per regalare cose a tutti i possibili bambini e giovani: lei dice, ho fatto una gioventù merdosa e di stenti, voglio che qualunque ragazzino o ragazzina che conosco faccia una gioventù stupenda. Esattamente il contrario di chi la mena con “questi giovani non hanno fatto la guerra” “questi giovani non conoscono i sacrifici” etc etc.
Mia mamma dice, io i sacrifici li ho fatti eccome, ed erano sacrifici per sopravvivere: voglio che un giovane di oggi faccia sacrifici dietro una Passione,, non dietro a un tozzo di pane.

Beh, sono fatto anch’io così. Io,se posso, vizio. Vizio se posso all’ennesima potenza.
Io mi incazzo se uno dorme o non fa nulla ma se uno suona per 4 ore per diventare un musicista, o si allena 3 ore al giorno per il suo Sport, faccio di tutto per metterlo in condizioni di farlo, senza inciampi e ostacoli di lockdown insensati. So di figli ancora in lockdown e di lockdown decennali…
Così mia mamma e mio papà quando vedono queste clip video mi chiedono se possono fare qualcosa per i miei atleti, manco li conoscono ma vedono che sono felici e che quindi lo sono anch’io e vogliono contribuire.

I miei genitori sono i nonni ideali, dico io, perchè amano il prossimo, non ne invidiano la serenità. Durante l’assurdo lockdown, quello inutile, mi chiamavano e mi dicevano, riuscite a uscire di casa, a passeggiare, a camminare, sì mamma, sì papà, possiamo anche andare in giro a filmare, andate andate, mi facevano, loro ovviamente chiusi in casa perchè mia mamma le due patologie le aveva e le ha ( mia mamma in casa ogni giorno più di 10km a piedi, in tre sessioni, appartamento 3 locali…), ma sapeva che stare in casa chiusi non fa bene alla salute, anzi fa malissimo, e fra l’altro quel tal giulio tarro che è l’unico che non ha detto cose rivelatesi puttanate oltre due mesi fa disse, assurdo rinchiudersi in casa perchè il virus in luogo chiuso colpisce meglio, e ora sappiamo da fonti ISS che ha infatti colpito e ammazzato i deboli proprio nelle case, cosa che d’altronde era così ovvia che abbiamo tentato di dirlo ma niente, tiravano i sassi dalle finestre, dicevo comunque che in questa clip ci sono tre variabili
FORZA
VELOCITA’
PASSIONE

Dove le prime due moltiplicate danno la Potenza.
Ma sempre tenere a mente che c’è n’è una quarta il Tempo, che Tabucchi scrisse, ci attraversa, sapete bene che quando hanno messo il Tempo come quarta dimensione la Fisica è stata sconvolta, ma anche LA VITA è sconvolta se non si considera il Tempo come quarta variabile.

Il Tempo da giovani corre a velocità doppia, certe Passioni bisogna farle vivere DA GIOVANI, altro che lockdown – c’è tempo etc etc.
Non c’è tempo per un cazzo.
Un musicista, uno sportivo agonista, un pittore, un artista, ha pochissimi anni per esprimere il suo talento, e il fatto che la maggior parte della gente talento sportivo o artistico non ne ha, non dovrebbe giustificare che vengano fatte regole e impartite disposizioni assurde per ammazzare i pochi che tale talento ce l’hanno.
Cazzo, fate fare sport come si deve, ai giovani
Fateli suonare
Fate fare concerti e spettacoli
a quei pochi che lo sanno fare.
e soprattutto ascoltateli, ‘sti cazzo di giovani, che in questi tre mesi abbiamo sentito così tante vaccate mianstream che francamente lasciar dire la loro a dei 20enni non avrebbe certo abbassato la qualità degli interventi, che se solo mi viene in mente il tweet di burioni sui bambini mi pento e mi dolgo di non aver fatto giurisprudenza e poi carriera di procuratore per denunciarlo

In questi mesi assurdi sono stati i sorrisi dei miei atleti e quelli in famiglia e le telefonate alle persone che mi hanno dato linfa,Il sorriso finale di questo microvideo colpì tantissimo il Berna, che ha sofferto il lockdown come i restoacasisti non hanno capito perchè, appunto, non erano, e mai saranno, come il Berna. C'è gente che VIVE di socialità, se ne nutre, e Il Berna (come l'ultimo ragazzo di "non è un paese per giovani") era così.I Miei non hanno avuto un'infanzia facile e una facile gioventù, a dirla tutta mia mamma dal '41 al '60 ha avuto una gioventù di merda che più merda non si può. Orfana a 7 anni, praticamente per strada per fallimento della fornace di famiglia, povertà e smarrimento. Lei e sue due sorelle i primi 18 anni di vita li hanno fatti da film, di quelli che ci rimani male.Bene, lei e le sue due sorelle sono state SEMPRE esempio di generosità e serenità verso tutti, SOPRATTUTTO verso i giovaniMia mamma è nota da decenni per la sua generosità, per regalare cose a tutti i possibili bambini e giovani: lei dice, ho fatto una gioventù merdosa e di stenti, voglio che qualunque ragazzino o ragazzina che conosco faccia una gioventù stupenda. Esattamente il contrario di chi la mena con "questi giovani non hanno fatto la guerra" "questi giovani non conoscono i sacrifici" etc etc. Mia mamma dice, io i sacrifici li ho fatti eccome, ed erano sacrifici per sopravvivere: voglio che un giovane di oggi faccia sacrifici dietro una Passione,, non dietro a un tozzo di pane. Beh, sono fatto anch'io così. Io,se posso, vizio. Vizio se posso all'ennesima potenza. Io mi incazzo se uno dorme o non fa nulla ma se uno suona per 4 ore per diventare un musicista, o si allena 3 ore al giorno per il suo Sport, faccio di tutto per metterlo in condizioni di farlo, senza inciampi e ostacoli di lockdown insensati. So di figli ancora in lockdown e di lockdown decennali…Così mia mamma e mio papà quando vedono queste clip video mi chiedono se possono fare qualcosa per i miei atleti, manco li conoscono ma vedono che sono felici e che quindi lo sono anch'io e vogliono contribuire. I miei genitori sono i nonni ideali, dico io, perchè amano il prossimo, non ne invidiano la serenità. Durante l'assurdo lockdown, quello inutile, mi chiamavano e mi dicevano, riuscite a uscire di casa, a passeggiare, a camminare, sì mamma, sì papà, possiamo anche andare in giro a filmare, andate andate, mi facevano, loro ovviamente chiusi in casa perchè mia mamma le due patologie le aveva e le ha ( mia mamma in casa ogni giorno più di 10km a piedi, in tre sessioni, appartamento 3 locali…), ma sapeva che stare in casa chiusi non fa bene alla salute, anzi fa malissimo, e fra l'altro quel tal giulio tarro che è l'unico che non ha detto cose rivelatesi puttanate oltre due mesi fa disse, assurdo rinchiudersi in casa perchè il virus in luogo chiuso colpisce meglio, e ora sappiamo da fonti ISS che ha infatti colpito e ammazzato i deboli proprio nelle case, cosa che d'altronde era così ovvia che abbiamo tentato di dirlo ma niente, tiravano i sassi dalle finestre, dicevo comunque che in questa clip ci sono tre variabiliFORZA VELOCITA'PASSIONEDove le prime due moltipiicate danno la Potenza.Ma sempre tenere a mente che c'è n'è una quarta il Tempo, che Tabucchi scrisse, ci attraversa, sapete bene che quando hanno messo il Tempo come quarta dimensione la Fisica è stata sconvolta, ma anche LA VITA è sconvolta se non si considera il Tempo come quarta variabile. Il Tempo da giovani corre a velocità doppia, certe Passioni bisogna farle vivere DA GIOVANI, altro che lockdown – c'è tempo etc etc. Non c'è tempo per un cazzo. Un musicista, uno sportivo agonista, un pittore, un artista, ha pochissimi anni per esprimere il suo talento, e il fatto che la maggior parte della gente talento sportivo o artistico non ne ha, non dovrebbe giustificare che vengano fatte regole e impartite disposizioni assurde per ammazzare i pochi che tale talento ce l'hanno.Cazzo, fate fare sport come si deve, ai giovaniFateli suonareFate fare concerti e spettacolia quei pochi che lo sanno fare.e soprattutto ascoltateli, 'sti cazzo di giovani, che in questi tre mesi abbiamo sentito così tante vaccate mianstream che francamente lasciar dire la loro a dei 20enni non avrebbe certo abbassato la qualità degli interventi, che se solo mi viene in mente il tweet di burioni sui bambini mi pento e mi dolgo di non aver fatto giurisprudenza e poi carriera di procuratore per denunciarlo

Pubblicato da Fabio Palma su Sabato 30 maggio 2020

Maggio 4, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

DENNIS RODMAN

Il terzo episodio di THE LAST DANCE, su Netflix, non lo dovete perdere.
Vi scongiuro.
Tutta la serie è chiaramente un capolavoro, ma in alcuni momenti è ovviamente una serie che parla di un’epopea sportiva.
Il terzo episodio no.
Il terzo episodio è incentrato su Dennis Rodman.
E Dennis Rodman non è solo sport ( Anche Jordan non fu solo sport, ma fu altri dal punto di vista “buon esempio”). E’ un calcio nelle balle a tutte le vostre, e mie, regole di vita.

E’ un pò come Stoccolma e il suo mentore, il Telgner di cui ieri ho pubblicato l’intervista: un fastidiosisimmo fastidio a certezze, orgoglio personale, convinzioni, etc etc.

Contestualizziamo: Rodman si vestiva COSI’ quando i tatuaggi non erano comuni perfino fra i manager con giacca e cravatta.
Si tingeva i capelli quando lo facevano i Punk e in NBA si entrava in punta di piedi (facendo i festini con la coca di nascosto…) e se eri di colore e ti comportavi strano eri cacciato via in dieci secondi. Se eri di colore, dovevi essere benpensante e bencomportante come Bird.

Rodman è colui che si sposò con sè stesso.

Che Madonna lo volle nel suo letto scandalo nello scandalo

Che dopo 88 ore di bagordi e festini continui corre davanti al gruppo dei campioni in carica e Jordan e Pippen dietro ad ansimare.
E’ “il giocatore più intelligente che abbia mai visto”, parole di Jordan, perchè quel fuori di testa di ogni giocatore sapeva tutto, gli bastava vedere come metteva una spalla per capire da che parte andasse.
Rodman è uno che non sapeva nulla di equazioni differenziali, anche, che esistessero a dir la verità, ma che si mise a studiare come girava la palla da basket quando non entrava e rotolava sul ferro…e arrivò con lo studio visivo a sapere esattamente dove scivolasse, verso che direzione, a secondo del suo spin (non sapeva che si chiamasse spin, ma mentre il sottoscritto in fisica atomica studiava e studiava spin e ci mise un bel pò a capire cosa fosse REALMENTE, lui cazzo l’aveva capito e lo USAVA, lo spin, per la sua professione).
Dopo di lui fu Iverson a cambiare ulteriormente le convinzioni americane, con poliziotti e manager che si vestivano come Iverson…come Rodman però no, soltanto Rappers e fuori di testa si vestono e vanno in giro come Rodman negli anni 80 e 90. 30 anni dopo…
Eh sì, Rodman fu 30 anni avanti nei costumi, e firmava gli stesso autografi di Jordan, e le famiglie vestite (giustamente) bene lo aspettavano alle transenne con i bambini piccoli (giustamente) educati e regolari che volevano a tutti i costi il suo autografo.
Rodman era un alieno, con uno “stile ” ( che stile, ha detto dieci volte mio figlio mentre ieri sera guardavamo l’episodio) che nello stesso tempo ammiri e applaudi mentre ringrazi il Signore che tuo figlio non sia così…Rodman è quel tipo di icona di cui il mondo ha bisogno, a piccolissime dosi, ma caspita se ci vuole.
E per i pochissimi che sono arrivati qui, Rodman è anche, come Gaul o Honnold o l’alpinista estremo o Villeneuve o Pacquaio, quel tipo di persona da cui dobbiamo attingere consapevolezza.
Che il rischio esiste. Che il diverso esiste.
Perchè il dopo Covid non c’è, e chissà se ci sarà mai. Non è detto. Certamente per qualche mese non ci sarà. E ora la caccia alle streghe inspirata dal terrificante nazista iorestoacasa ha reso ancora più intollerante il nostro paese, dove già il 15-20% delle persone esultava quando affondava un barcone (10 in meno, leggevi…). Ora un colpo di tosse in un autobus o un’anziana che ti urta il braccio mentre fa le spese porterà a parolacce o peggio.
Perchè hanno impiantato la demonizzazione del rischio, quella cosa per cui qualunque situazione non a camera bianca è una situazione da COMBATTERE.
Con il paradosso PRODUCI, CONSUMA, CREPA (grazie Giac…), per cui da oggi puoi andare pigiato a produrre ma su sentiero se vieni da fuori no.
E mentre Stoccolma ogni giorno che passa è sempre più un palo nel culo di consulenti vari, che ancora non spiegano, io concludo che furono grandissimi Phil Jackson e Jordan quando andarono a prendere Rodman capendo che nella vita serve anche convivere con ciò che è diverso da te, completamente, irregolare e anche imbarazzante o fastidioso, ma la persona che ragiona analizza e si interroga, non si trincera dietro le sue teorie.

Un paradosso deve far sorgere un dubbio.

Due paradossi, due dubbi e un’analisi

Tre paradossi, la teoria è certamente sbagliata in parte.

Rodman, 5 titoli nella NBA, miglior rimbalzista della storia pur non essendo assolutamente un gigante, il fuori di testa per eccellenza, è un esempio brllante di paradosso al comune pensiero

Maggio 1, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

LA LEGGENDA DI TEGNELL

LA LEGGENDA DI TEGNELL

Immaginate un bellissimo paese dell’Umbria, di quelli fortificati, su collina, davvero belli, con cinta muraria perfetta.
Li si vede dall’autostrada, perfino, come Orte (che è nel Lazio, oK), ce ne sono molti.
Ora, questi paesini, queste COMUNITA’, vivevano nel terrore degi assalti, è chiaro. Così si organizzarono, con le mura, con le guarnigioni, con i ricoveri per le prime linee colpite.
E, ATTENZIONE, cercando di essere autosufficienti.
Perchè uscire dalle mura era sempre un gran bel problema, ovvio.
Allora coltivazioni (CIBO) e industria manifatturiera (perchè anche allora dovevi costruire le abitazioni etc etc) cercavi di mettertele DENTRO le mura, ma era praticamente impossibile, per ovvie ragioni.
Così, erano alla base, nei dintorni.
Vulnerabili.
Che politica dovevi fare, per difenderti dagli assalti dei barbari?
Chi intraprese la politica face to face, ovvero, tu arrivi e io mi rintano, tu arrivi e io mi rintano, tu arrivi e io mi rintano, col tempo capì che aveva speranze soltanto in caso di ondata dell’assalitore periodica.
Tipo, che so, un popolo barbaro che arrivava una volta all’anno.
Il casino era quando l’assalitore ti piantava tende e guarnigioni fuori e se ne stava lì anche ANNI.
Assediando.
O partiva la diplomazia, sperando che là fuori non fossero proprio stronzi fino in fondo, oppure partivano le carestie interne, i depositi di cibo prima o poi cominciavano a scarseggiare.

La storia narra che un paese ben fortificato ma non così pronto ad accumulare scorte per anni,
un giorno venne attaccato, pesantemente.
I contatti con i paesi fortificati vicini erano molto labili, nonostante fossero teoricamente alleati, ma il consulente del Re, dopo un primo assalto, chiese di poter dialogare col nemico.
Uscì con gonfalone e quant’altro, e ho avuto la fortuna di venire in possesso del dialogo
“cosa volete”
“voi tutti”
“allora ci dfenderemo alla morte, ci rinchiuderemo e vi verseremo olio bollente dalle mura”
“chi se ne frega, alcuni di noi moriranno, ma primo o poi voi cederete, ed entreremo”
“”ma avrete molte perdite…che cosa volete, esattamente?”
“Mangeremo tutti gli anziani, non ce ne frega nulla dei bambini, spaventeremo le mezze età e daremo qualche rara sberla ai giovani”
“Gli anziani per noi valgono come i giovani, non li vogliamo sacrificare”
Il capo barbaro ci pensò su
“sareste disposti a farci spaventare tutti gli altri?”
“Te ne sei già mangiati un po’, di anziani, che avevamo lasciato nei campi, fuori. Accontentati. Per quanto, vuoi spaventare tutti gli altri?”
“due mesi”?
“e dopo due mesi te ne andrai?”
“no, resterò da te, dentro, ma ti promettiamo che conviveremo, sarà come se non ci fossimo, saremo dentro di voi, tranquilli”
Il consulente del Re tornò all’interno delle mura e riferì”
“Sire, purtroppo parte dei nostri anziani, quelli deboli, se li sono già mangiati, Ma possiamo evitare carestie e avere poche perdite se accettiamo l’accordo. Altrimenti avverrà come in quel paese là, l’Italia, dove stanno morendo di fame in tanti e anche se ce la dovessero fare a respingere, saranno di nuovo deboli nella parte sud e centro del paese, dove hanno le mura più deboli. Attaccheranno non più da Nord, ma da Est, Ovest e Centro. Se invece accettiamo, fra due mesi ne usciremo”

E così Stoccolma accettò.
Non conosco ancora la fine, i documenti storici finali mi arrivano in parte fra due settimane, e poi fra sei mesi tutti.
Quelli che ho in mano dicono che Stoccolma, PIENA DI GENTE come Italia, (basta con sta palla che Stoccolma son 4 gatti rispetto a Lecco o Parma, dai, fate bene i confronti. STOCCOLMA, non Svezia, su.)

dopo due mesi stava decisamente meglio di Italia e di altri paesi, che cominciarono a considerare molto meno stolto il consulente del Re, un certo Tegnell.
Che così lasciò scritto

«Voi fate come se l’epidemia possa scomparire nel giro di qualche settimana, o al massimo mese. Noi invece stiamo solo cercando di rallentarla, perché crediamo che questa malattia non se ne andrà così presto, e dovremo conviverci a lungo. Almeno fino all’introduzione di un vaccino, e questo richiederà anni. Anche la Corea del Sud, che è riuscita per ora a contenerla, si prepara a un suo ritorno».
«Non possiamo fermare l’economia a tempo illimitato. Prima o poi saremmo costretti a riaprire tutto, e potremmo trovarci di fronte ad una situazione anche peggiore. Perché non possiamo ancora escludere il rischio di recidive, non abbiamo abbastanza informazioni sul virus. E poi è anche il nostro ordinamento che impedisce al governo di imporre delle misure straordinarie alle amministrazioni locali. Abbiamo invitato tutti i cittadini a limitare gli spostamenti, e a non effettuare viaggi, ma sono tutte indicazioni, non imposizioni.
Cercare di fermare l’epidemia potrebbe anche risultare controproducente, perché una volta che riprende la catena di contagi, è possibile che la situazione diventi anche peggiore. Non sono così sicuro che ciò che stiamo facendo stia influenzando molto la diffusione del contagio. Non sarei troppo sorpreso se finisse allo stesso modo PER TUTTI, INDIPENDENTEMENTE dalle misure che abbiamo adottato. La verità è che del Covid-19 non sappiamo quasi nulla, e ogni Paese sta sperimentando soluzioni diverse, a seconda della situazione

Quasi la metà di tutti i casi si è verificata nella regione di Stoccolma, dove il ritmo dei contagi è raddoppiato o anche triplicato nel corso dell’ultima settimana. E qui che dobbiamo studiare meglio cosa sta succedendo. Ma va detto con chiarezza che in tutti i casi di decesso, a partire dal primo paziente morto lo scorso 11 marzo, l’età dei malati era superiore agli 80 anni, e la maggior parte aveva uno stato di salute già compromesso da altre patologie. La verità è che non abbiamo abbastanza informazioni sul Covid-19 per poterlo sostenere, e l’esperienza finora ci dice che non è stato necessario prolungare l’isolamento. Chi lo sta facendo talvolta ha perfino molti più decessi di noi quando non ha ospedali preparati a un’epidemia, che si sono trasformati in moltiplicatori del contagio».

Ora, come avete letto nella storia, Stoccolma fece il peccato originale iniziale di non proteggere le RSA (cosa che invero in Europa hanno fatto solo Danimarca, Finlandia, Norvegia, Grecia e paesi balcanici in generale. In pratica, ben pochi hanno pensato a proteggere dove vivevano gli anziani…i peggiori? noi, UK, e Francia .

Per il resto, e ai pochi intimi che mi seguono lo sanno, io dall’inizio ho sempre pensato ad una strategia come quella pensata da questo “fuori dal coro”, perchè mi ricordavo da un potentissimo anno di statistica e da una tremenda simulazione al computer di una diffusione di una popolazione di carnivori in un ecosistema senza carnivori
(una roba che oggi scrivi software in due giorni e in mezz’ora hai la simulazione, ma nel 1987 furono 40gg tremendi e giuro su tutto quello che volete che allo specchio il primo capello bianco lo vidi pochi giorni dopo quell’esame in cui fui costretto a più stampate notturne del programma alla ricerca di un baco. Fu tremendo. Quel 1987 mi vide studiare una MEDIA di oltre 15 ore al giorno per 355 giorni!! E statistica ne fu il core…)
dicevo
mi ricordavo nelle centinaia di simulazioni che programmai cosa accadeva.
E la situazione migliore era la convivenza all’inizio proteggendo i cuccioli delle specie dell’ecosistema.

Quindi io, arrogantemente per qualcuno, molto semplicemente dico io, non capendo un cazzo di virus ho fatto solo delle considerazioni stattistiche che mi portarono fin dall’inizio alla strategia che ha adottato lui.
che nell’intervista dice una cosa che darà fstidio a ricciardi, burioni, pregnasco, locatelli, etc etc…
NON SAPPIAMO UN CAZZO DEL VIRUS, quindi dobbiamo accettarlo.
Proteggendo al meglio gli anziani, e convivendoci.
Perchè tanto se chiudiamo tutto, diventiamo poveri (Italia) e quando riapriamo siamo di nuovo inermi.
E allora non vorrei fare il Cassandra, ma lo scrivo qui a memoria:
A mio parere,
nonostante l’inutile lockdown perchè dopo 20gg dal paziente 0 (che non è codogno…) non serve a nulla,
parte del Nord ha l’immunità di gregge (e grazie al cielo lo studio cinese mostra che il 100% di quelli che lo hanno avuto ha gli anticorpi)
gran parte del centro sud è come il Nord a inizio gennaio.
Vero, adesso c’è conoscenza
però…Tegnell me lo faccio tatuare anch’io, sul braccio

Variabile importante che fregherebbe tutti, Tegnell compreso
Se il virus dovesse mutare in qualcosa di molto più diabolico, per esempio attaccando tutti senza distinzioni di età e patologie,
penso che senza una strategia alla Taiwan in una seconda ondata saremmo fottuti tutti in 4 settimane al massimo

Aprile 28, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

STOCCOLMA e NOI

30 minuti dedicati al documento dei consulenti scientifici, con a capo un pediatra, di livello sicuramente, certamente conoscenza di matematica nulla.
Ma sotto di lui forse ci sono, dei matematici, sicuramente più in forma di me medesimo adesso.
Quindi mi limito a considerazione MACRO, quelle peraltro che a mio modesto parere stanno alla base della scelta svedese. super ponderata.
Scelta svedese che insiste e continua nonostante giornali progoverno e prolombardia abbiano almeno 5 volte combattuto con bufala ( la svezia torna indietro, etc etc).
La svezia non torna indietro, non è tornata indietro, Stoccolma ha 974.000 abitanti e la sua densità demografica è comparabile con quella di aree lombarde piemontesi etc devastate, e ha 1/5 dei ddecessi. Piaccia o non piaccia, al momento è un “palo nel culo” dello slogan iorestoacasa. Poi alla fine confronteremo.
Dunque, anzitutto probabilmente ai giornalisti è sfuggito, perchè abilmente non precisato, che tale documento che arriva a 151.000 in terapia intensiva ad una certa data comunica un risultato INTEGRALE. Ovvero, 151.000 NON in un giorno, ma sommando tutti quelli in giorno x giorno y…. Questa si chiama comunicazione furba…o trovate voi un altro aggettivo…

In secondo luogo proprio non vedo la differenziazione per patologie. Impossibile sapere se in Lombardia ci sono 10.000 o 100.000 Over 60 ( ho messo 60 per essere pessimista) con ipertensione e/o diabete? Chiedo.
Mi pare inverosimile non ci sia questo dato a disposizione. Non considerarlo significa produrre un documento inutile.
Come dire che sto cercando di costruire una grande squadra di basket, mi manca un’ala grande e dico alla mia società di convocarmi tutti i ragazzi lombardi fra 18 e 22 anni. E mi dimentico di dire, sì, ma alti fra 180 e 195cm…
chiedo scusa se sbaglio, ma questo parametro non lo trovo.

Poi mi sembra francamente curioso trattare l’Italia a livello macro: Friuli e Lombardia hanno situazioni così diverse che—boh…come partire da Roma per un viaggio e portarsi piumino e canotta perchè non si sa se faranno -10 o +30- Mia mamma fa da sempre così, va al mare in Liguria con 3 valigie, utili in caso di glaciazione improvvisa o siccità. Io da sempre vado in giro con zaino 35litri per 20gg. Vero, un paio di volte ho avuto freddino, un paio di volte non avevo una canotta di scorta e quella che avevo su puzzava, ma non ho rimpianti.
Torno all’esempio Friuli vs Lombardia e mi chiedo cosa ne pensa un molisano o uno di Potenza o un sardo del lock down da 20gg ad oggi. Ho dei serissimi dubbi io a Lecco, figuriamoci loro, dove da 50gg si muore più di infarto che di Covid.

Vado avanti: altra cosa che ben poco mi convince è la conclusione politica oltre che logica del rapporto: posso andare a trovare zie e nonni, ma tengo chiuso palestre e asili. WHAT???

E se la zia che hai sigillato da 8 settimane ha 75 anni, diabete e ipertensione????? Mentre una famiglia con papà 30 anni mamma 27 e bambino di 2 non ha nonno in casa?? ed è alla fame non potendo pagare bollette?

Non so, perdonatemi, ma al termine di questi 30 minuti ( non sono pagato per fare il consulente del governo se no giuro ci infilerei la testa per 18 ore per due giorni) comunico quanto segue:

IL RAPPORTO FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI E STABILIRE UNA STRATEGIA SU TALE RAPPORTO E’ DA SCIOCCHI.

Però, sia chiaro, io sono un cittadino anche un pò esasperato per cui magari annebbiato dal nervoso non ho trovato certi parametri invece considerati.

Ah, poi volevo aggiungere questo: la gente ha paura di essere contagiata. E’ stato distillato il terrore dell’essere contagiati. il famoso iorestoacasa , sassaiole e droni contro il runner, etc etc. Boh. ll problema non sono i contagiati. Ma i decessi, poi i ricoverati in terapia intensiva, poi i ricoveri.

Un sistema capace di proteggere gli over 70 con patologie se ne frega dei contagiati, avrebbe una letalità di molto inferiore a quella Under 70 per infarto, tumori, etc. Questo approccio NON E’ MAI STATO PRESO IN CONSIDERAZIONE. Fermare il contagio dopo i primi 15-21 giorni è impossibile se non lavori a camera bianca con gli individui ( e solo la cina se lo può permettere nel mondo…), nessun paese occidentale è stato intelligente e preparato come nel Far East (vedasi mio post di mooooolte settimane fa), quindi scappati i buoi si salva meglio chi protegge i vulnerabili, e i vulnerabili sono a mio parere due categorie
OVER 70 CON PATOLOGIE e
RESTO DELLA POPOLAZIONE SENZA RETRIBUZIONE.

La seconda categoria poteva resistere, mio modestissimo parere, 4 settimane. Al più. Dopodichè è andata vicino a soglia povertà. Dopo 8 settimane, ci è finita dentro. Dopo 12, è fottuta. Morta. Deceduta. vanno contati anche i loro decessi. Ho finito,

Quando parla qualcuno come ricciardi o conte o locatelli o virologi vari con stipendio…non so, ho come…avete presente quando qualche coglione in Tv diceva, mi sento felice, consiglio a tutti di vivere così e cosà, tenete duro e siate generosi, e guadagna 5-10k al mese?

Per ultimo, concludo così: ok, chiedere scusa non siete capaci, speranza non si dimetterà mai e si permette pure di citare la germania come esempio NON da seguire (parolaccia…)

PERO’ abbiate la decenza di NON dire che il modello lombardo ha tenuto etc etc (direi che l’ospedale in fiera è il top esemplificativo) e che l’Italia è un modello seguito all’estero.
Conte, Fontana, Gallera.
Siete avvocati.
Massimo rispetto per vostra professione.
So che la vostra professione porta a dilemmi morali ed etici, dovete dire delle cose chiaramente false, in udienza. Ci sono stati grandi film, che ce lo hanno mostrato.
Però…dai…non pigliateci per i fondelli, su.
Diteci di tenere duro, che è un incubo ma cercheremo di uscirne. Fate discorsi alla mattarella o alla bergoglio o alla merkel.
Ma non ditemi che le vostre decisioni sono un modello, dai.
Quando uno pedala in fondo al gruppo e prende 20′ e arriva al traguardo va a nascondersi o se costretto dice tante cose, ma MAI, ho fatto la preparazione migliore.
Imparate dallo sport.
Ah già.
Non sapete cosa sia

Marzo 31, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

C’è QUALCOSA CHE NON VA

Beh, io mi espongo.
L’ho fatto il 23 Febbraio, dicendo che la Diamond Princess mi faceva pensare che il paziente di Codogno non fosse il paziente 1, anzi (e ora è assodato fosse almeno il 10k).
L’ho fatto affermando che la chiusura scuole e palestre e in generale luoghi per Under 30 fosse un Non senso (perché la letalita’ è alta, molto, fra gli over 70, e via via progressivamente inferiore fino a diventare irrisoria).
E adesso mi sbilancio a scrivere che

IPOTESI molto molto realistica visto il numero di decessi Marzo 2020 Vs media Marzo anni passati in Bergamo, Brescia, etc
CHE fa stimare in oltre 400k i contagiati nella.sola provincia di Bg e oltre 1milione fuori dalla provincia di Milano nella sola Lombardia
CONSIDERANDO che il tasso di contagio 1:3,5 e’ vero in condizioni normali mentre a) PS di Codogno b) PS di Alzate c) Atalanta-valencia hanno suffragato quanto scoperto in Cina controllando con telecamera su pulmann in aria condizionata un lieve sintomatico, ovvero in 7 ore costui ne contagio’ 11, e lo stesso dicasi per setta in Corea
IO, verificando con una simulazione sw basata su Fuzzy Logic e con dentro parametri come età, letalita’ per età, etc etc

SIGILLEREI LE PERSONE OVER 65 anche senza altre patologie pregresse e le PERSONE over 55 con ogni possibile patologia pregressa

E FAREI CIRCOLARE MISCHIARE ETC ETC tutte le altre persone

COMBATTENDO questo nemico nel suo punto debole, ovvero l’aggressività verso l’età (e aggiungo verso il sesso, le donne sono molto meno colpite) SULLA BASE DI CONSIDERAZIONI MATEMATICHE-STATISTICHE e non mediche o di virologia ( e Non solo perché sulle prime so ragionare mentre sul secondo argomento non ne so nulla).
IL PERCHÉ questa strategia la adotterei solo ij zone già fortemente colpite E in zone demograficamente a bassa densità ( quindi.NON a ROMA o NAPOLI ma certamente in provincie a densità demografica sotto un certo rapporto, e le agenzie di marketing sanno TUTTO della distribuzione di popolazione cone età etc) è che NON abbiamo la forza tecnologica di Taiwan o Corea per monitorare ed isolare convenientemente e matematicamente in aree dove il virus è poco presente e può arrivare

QUESTO MIO PENSIERO proviene da riflessioni domestiche fra me e mio figlio con carta penna news e letture internazionali che hanno ormai tre settimane, diciamo pure 4, che mi fanno pensare che il Restoacasa come è stato impostato sia stato un superbo assist al virus (esempio: i 40k bergamaschi di Atalanta-Valencia sono stati a casa SENZA isolamento domestico verso parenti di età a rischio, e così via)

INOLTRE l’attuale strategia di contenimento mi dice che fra due mesi un ipotetico soggetto infettato asintomatico che vada a Napoli farebbe riesplodere il tutto e questo in praticafino all’arrivo di una soluzione medica (10 mesi? 18 mesi?) per cui i maggiori investimenti dovrebbero essere nel kit di identificazione dei soggetti con anticorpi.

Mi piacerebbe che qualche matematico in forma in statistica (io ora sono da 6a…) e in programmazione per sviluppare una simulazione con Fuzzy logic (e qui io ora sono da pedonale al lago…insomma posso solo fare il project manager di un controllo statistico e strategico di questo tipo, servono 25enni o poco più smanettoni di statistica e programmazione, e ho come idea che nei team di consulenza scientifica di governo e regioni ci siano solo illustri accademici di, come dire, lontanissimi trascorsi pratici davanti a calcoli simulazioni etc…) si divertisse a fare qualche giochino
Buona giornata. Quanto vorrei essere il Fabio del 1987…ma il QI e l’agilità cerebrale, ahimè, sono come la scioltezza muscolare…che pretendete, che dopo i 50 uno faccia spaccate e salti mortali??

Marzo 20, 2020
di Fabio Palma
0 commenti

ERRORI CRIMINALI

Voglio che sia sottolineato forte e chiaro, anche se io nulla conto, che ci sono delle persone, TANTE, e io fra queste, che DA SETTIMANE avevamo detto e scritto che
1) I numeri in circolazione sono totalmente falsi. Giù dai primi di marzo i contagiati erano ben oltre 100k, oggi a nostro parere ben oltre 500k, e oltre 100k solo nel bergamasco
2) L’anestesista di Codogno, geniale o semplicemente dal QI superiore a chi ci guida, sia nel governo che nelle regioni, non trovò il paziente 1, ma ALMENO il paziente 1000.
3) I due errori clamorosi, banali, amatoriali, da bocciatura con schiaffo ad un esame di statistica con il Prof. Verri che io ebbi nel 1987, e col quale presi 30 dopo una bocciatura e 5 voti rifiutati, sei mesi di lotta PER FARVI CAPIRE QUANTO LA STATISTICA SIA ROBA SERIA, non fare calcoli e dichiarazioni alla cazzo, sono stati
a) la caccia al cinese nel mese di Gennaio, sostenuta da governatori sovranisti e poi appoggiata dal governo. L’unico popolo al mondo in quel momento sicuro era quello cinese…era OVVIO che da controllare erano italiani, tedeschi, inglesi, americani, manager, turisti, etc etc. TUTTI QUELLI CHE TELEFONAVANO AL MEDICO DI FAMIGLIA dicendo, tosse e febbre alta. PERCHè CAZZO NON C’ERA UN PROTOCOLLO, UNA CIRCOLARE, QUALCOSA che indicasse, se vi telefonano con questi sintomi, isolate che veniamo a controllare???
2) Chiudere le scuole, le palestre, etc NON E’ SERVITO A NULLA, soprattutto se LASCI APERTI CIRCOLI PER ANZIANI, BAR, CASE DI RIPOSO

Copio qua una splendida sintesi di una persona che non vedo dal 2002, dal QI elevato, competente quanto me in virologia e medicina ( ovvero, ZERO), ma che come altri ha subito scritto, dal 23 febbraio, queste cose. C’era sia la Diamond Princess che la Corea a mostrare tutto. C’era sia Taiwan che Vietnam che Corea a indicare come agire.
Io non so chi abbia fatto parte del comitato scientifico su cui si è appoggiato il governo. Nè chi siano stati i consulenti dei governatori.
Ma sicuramente, lì dentro, esperti di matematica-statistica non ce n’era.
Segue, da Rob Buzz Uzzi
Ripeto e cerco di spiegarmi meglio, e mi sono rotto il cazzo del tifo calcistico applicato al calcio.
Premesso che non me ne frega niente se è Conte, o fosse stato Salvini, o Di Maio, o Zingaretti, o Renzi, o Prodi, o Gentiloni, o Monti o Berlusconi.
Io mi faccio la semplicissima domanda:
Perché un’emergenza sanitaria dichiarata in ritardo in cina il 31/12, ritardo strombazzato nel nostro paese, il quale si presume, avendo servizi di intelligence in una rete mondiale di servizi di intelligence alleati, sapesse da *almeno* un mese che qualcosa di strano stesse accadendo nell’Hubei, nella citta di Wuhan, e quando il 27/1 un premier dichiara siamo prontissimi, si viene a scoprire un contagiato, casualmente, solo al 21/2.
Faccio presente che wuhan dista 12 ore.
E che anche un mentecatto microcefalo poteva arrivare a pensare che da novembre dicembre il virus poteva essere arrivato in europa.
Perché non sono stati allertati, da subito, i medici di famiglia, sulla possibilità che il covid-19 potesse già essere qui?
Perché perlomeno a gennaio, visto quello che accadeva in cina, non è stata allestita una strategia di individuazione e contenimento del virus?
A me non interessa se l’errore è alla testa o nella struttura.
Se i funzionari incaricati hanno comunicato ai politici che erano prontissimi e tutto era sotto controllo mentre non lo era.
Oppure il contrario e i politici non hanno fatto niente.
Ci spiegassero perché al 21 febbraio, quando dovevano essere pronti al 1/1, cadevano dale nuvole, scoprendo il virus solo per la professionalità libera da pregiudizi protocollari di un medico.
Cioè, noi a fine febbraio ci troviamo con le strutture sanitarie senza mascherine, senza camici, senza guanti, e senza tamponi. E senza una cazzo di strategia.
Dopo 2 mesi, 2 mesi!! in cui si era potuto osservare tranquillamente quello che stava avvenendo in cina. Le loro necessità e le loro strategie.
Di qualcuno sarà la colpa di questa cazzo di cosa, o è “casuale”?
Su Conte ho tutte le riserve possibili per come è stata gestita la comunicazione. Ma è quasi secondario, il problema.
Il problema è prima.
Di chi è la colpa?
Dei politici?
Dei funzionari del SSN?
Dei consiglieri del governo?
Dell’OMS?
Qualcuno, a qualche livello, ha sulla coscienza migliaia di morti per inettitudine.